Issue #33

Copy of Heygiò Newsletter
Issue #0

Heygiò è una newsletter settimanale sul giornalismo. Seleziona per te notizie, trend, analisi, strumenti, persone. Le fonti sono italiane e non. Ecco una manciata di cose che ti sei perso questa settimana mentre stavi lavorando, studiando, dormendo:

  1. Tutti a Perugia? Io ci torno.
  2. Il giornalismo che smonta le fake news
  3. La CNN apre una unità per la realtà virtuale
  4. La lezione del fact-checker del New Yorker
  5. La forza che distorce quello che leggiamo nelle news
  6. Google finanzia progetti di giornalismo ed editoria
  7. Trovare i migliori hastags su twitter
  8. (video) Solutions Journalism: raccontare "La storia intera"

p.s.
Le persone che non hanno mai avuto a che fare con il giornalismo, con il controllo dei fatti (fact-checking),  pensano che il mondo si divida in fatti e opinioni e che i controllori si occupino solo dei fatti.
Peter Canby

#Heygiò

Tutti a Perugia? Io ci torno.
Se siete depressi per lo stato del giornalismo non mancate un salto a Perugia, al festival del giornalismo. Non si tratta di ignorare lo stato in cui versa il nostro lavoro, la nostra editoria, i nostri giornali. Anzi. Si tratta di andare a prendere una boccata d'aria sulle migliori pratiche dal mondo, su quello che si muove, che è sostenibile, che pone nuovi problemi. In mezzo ci sono anche cose poco interessanti con giornalisti ed ospiti popolari ma consiglio di andare a cercare qualche seminario o panel più tecnico. E' l'evento top sul giornalismo in Italia e non solo. Ci sono oltre cinquecento speaker. Sul sito del festival trovate tutta la conferenza stampa di presentazione, ma se volete in cinque minuti rendervi conto di quello che c'è andate nella pagina del programma. PS. Se riuscite portateci anche il vostro editore, grande o piccolo che sia. Se non avete editore allora è il posto giusto dove andare.
Il giornalismo che smonta le fake news
Il mapping, la data analysis, l'individuazione immediata delle fonti per il giornalismo o la comunicazione pubblica stanno cambiando le emergenze. E se l'innovazione nelle aziende editoriali è spesso vissuta con allarme, come la "scusa" che porta gli amministratori a giustificare i licenziamenti, qualcosa di davvero nuovo si sta segnalando con le esperienze della Stampa, di Repubblica e del Corriere.

#World

La CNN apre una unità per la realtà virtuale
La CNN sta facendo il suo ingresso in grande stile nel medium della realtà virtuale con una unità chiamata CNNVR. La fonte preferita da Trump sta lanciando la nuova unità per "trasportare gli utenti" in prima fila...

People

La lezione del fact-checker del New Yorker
L'anno scorso il dizionario di Oxford ha scelto "post-truth" (post-verità) come parola dell'anno indicando che i fatti oggettivi sono diventati meno importanti nell'influenzare la pubblica opinione che... 

Analisi

La forza che distorce quello che leggiamo nelle news
Siamo in una bolla? Perchè la storia di Uber è andata fuori controllo? La risposta sta meno nei fatti e più nella legge nascosta della fisica sulla gravità della narrazione. 

Opportunità

Google finanzia progetti di giornalismo ed editoria
Google ha indetto un bando per finanziare progetti innovativi nel campo dell'informazione digitale. Il progetto è rivolto a giornalisti residenti in Europa, associazioni, enti no-profit...

Strumenti

Trovare i migliori hastag per twitter - free
Questo strumento è incredibile e di grande aiuto. Trova i migliori hastag per raggiungere la tua audience su twitter. Io lo uso anche per vedere dinamicamente come cambia il volume delle conversazioni su certi topic. Provare per credere.

Video

Solutions Journalism: raccontare "La storia intera"
Solutions Journalism sta reimmaginando le news aiutando e connettendo i giornalisti interessati a raccontare "L'intera storia", i successi della società e le sue sfide. Il video è davvero bello e riesce a spiegare come si sentono oggi molti giornalisti.
Copy of Heygiò Newsletter
created in Publicate

Issue #35

Issue #35

tempo di lettura stimato: 2 min. e 55 sec.

  1. Fake News, il pianto di Zuck
  2. La crisi di credibilità dei giornalisti
  3. Amnesty: l'attacco al giornalismo indipendente in Turchia
  4. L'eredità di Pulitzer
  5. L'intervista esclusiva a Julian Assange
  6. (video) I giornalisti uccisi dalle mafie in Italia
"We are a tech company, not a media company"
Mark Zuckerberg

#Heygiò
Fake News, il pianto di Zuck
Mark Zuckerberg è dispiaciuto. Facebook si trova sotto attacco per la diffusione delle notizie false sulla piattaforma, soprattutto per quelle girate prima delle elezioni presidenziali americane. Ci si chiede per esempio che ruolo abbiamo avuto nell'elezione di Trump. Zuck continua a dire che Facebook non vuole notizie false sulla sua piattaforma ma sembra chiaro che non si prenderà mai responsabilità per la loro circolazione.
techcrunch

Scenari
La crisi della credibilità dei giornalisti
Cision ha pubblicato il Rapporto 2017 sullo Stato dei Media con risultati di un sondaggio di 1.550 giornalisti, editori, influencer e produttori. Con l'ascesa della disinformazione e delle "notizie false" emerge che i giornalisti sono estremamente preoccupati per la percezione del pubblico. Il 90% dei giornalisti ha riferito di credere che i mezzi di comunicazione sono meno stimati di quanto non fossero tre anni fa. Ciò si allinea con il Barometro della fiducia Edelman, che misura la fiducia della categoria al 43%, un livello quasi equivalente a quella dei funzionari di governo, che detengono il rating più basso di fiducia  (41%).
hispanicad

Mondo
Amnesty: l'attacco al giornalismo indipendente in Turchia
I media indipendenti in Turchia non sono ancora morti, ma sono stati gravemente feriti. La repressione deve finire. I giornalisti e gli altri operatori dei media devono essere liberati da estese e punitive carcerazioni preventive. Devono poter fare il loro lavoro, perché il giornalismo non è un crimine. Con oltre 120 giornalisti e altri operatori dei media in prigione, varie migliaia di disoccupati per la chiusura di oltre 160 aziende del settore, l’effetto dell’ultima ondata di erosione della libertà di stampa è chiaro: il giornalismo indipendente, in Turchia, è sull’orlo di un precipizio.
amnesty

Analisi
L'eredità di Pulitzer
In uno scenario in cui virtualmente chiunque può produrre notizie false e diffonderle in rete, mentre il “successo” di un articolo online viene spesso decretato dal numero di click che riceve, il problema sta emergendo in tutta la sua complessità. Quando Alleyne Ireland sale per la prima volta a bordo del panfilo Liberty, Pulitzer ha 62 anni, è cieco, debilitato da una lunga malattia, ma ancora animato da un’inesauribile irrequietezza intellettiva.
Da allora è passato un secolo. Oggi solo il 18% dei cittadini americani dichiara di avere fiducia nelle testate giornalistiche nazionali e la percentuale diminuisce drasticamente per i canali social (4%, dati Pew Research).
pagina99

People
L'intervista esclusiva a Julian Assange
A John Pilger è stato assegnato il Premio Internazionale di Giornalismo dal Circolo della Stampa del Messico al Concorso XLIV Nazionale ed Internazionale di Giornalismo. La motivazione: "L'intervista esclusiva con fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, attraverso la quale l'opinione pubblica internazionale è stata in grado di accertare la portata delle questioni chiave della situazione politica è il giornalismo che permette alle persone di difendersi contro le potenti forze clandestine ".
johnpilger

Video
(video) I giornalisti uccisi dalle mafie in Italia
I giornalisti in Italia e nel mondo minacciati e uccisi dalle mafie. Una lunga lista, una lunga storia che spesso ha sconvolto il nostro paese.
raiplay

extra: rapporto odg sul giornalismo digitale

Heygiò è una ipotesi di newsletter settimanale per giornalisti interdetti (annoiati, ansiosi, depressi o forse solo in cerca di stimoli per fare meglio quello che già stanno facendo). Seleziona ogni settimana da fonti italiane e non 5 articoli + 1 video tra i più popolari sull'argomento giornalismo per una lettura di massimo 5 minuti. Se sei come Giò te li sei forse persi mentre stavi lavorando, studiando, dormendo,... 

Issue #34 - only text

Issue #34

tempo di lettura 4:40 min.

  1. The new journalism? Eccolo: Rep e Corriere senza inviati alla partita del secolo
  2. Perchè le sottoscrizioni sono in aumento
  3. Il motivo per cui le aziende assumono i giornalisti
  4. Guadagnare con il mobile journalism
  5. Togliere di torno le cose inutili
  6. (video) La verità è più importante che mai
Fare della pubblicità una secondaria- anche se ancora vitale - fonte di reddito è il più importante obiettivo strategico che stanno cercando  di perseguire la maggior parte degli editori di notizie.
Ken Doctor, Newsonomics

#Heygiò
The new journalism? Eccolo: Rep e Corriere senza inviati alla partita del secolo
SI parla tanto di new journalism ma poi accade anche questo. O meglio, rischia di diventare la regola. Di fare giornalismo seduti davanti a un monitor. Come non dare ragione all' Internazionale , che titola: «La fine dei fatti», se i nostri giornali più importanti, economicamente e culturalmente più attrezzati, Repubblica e Corriere, non avevano un inviato sulla partita del secolo, Barcellona-Paris St. Germain? Certo nessuno poteva immaginare che sarebbe stata una rimonta tra le più incredibili della storia del nostro calcio moderno.
glistatigenerali.com

Analisi
Perché le sottoscrizioni sono in aumento
Un recente studio riporta che più di 169 millioni di cittadini Usa leggono i giornali ogni mese su carta, online, o mobile. E' quasi il 70% della popolazione. Il New York Times, che fu tra i primi a pensare alle subscription, ha raccolto in novembre 130.000 nuovi iscritti con un tasso di incremento dieci volte superiore rispetto a quelli normali. Le sottoscrizioni al Wall Street Journal sono salite del 300%, il L.A. Times è cresciuto del 61%, Vaniti Fair ha raccolto 13 mila iscritti in un giorno. Il New York Post, di nuovo in profitto, sta assumendo 60 nuovi giornalisti. NPR ha recentemente parlato di un Boom dei grandi giornali. Lo slogan degli editori è: meno pubblicità ma più abbonamenti.
medium.com

Scenari
Il motivo per cui le aziende assumono i giornalisti
Il brand journalism e il content marketing sono consoldati nelle attività di comunicazione per molti marchi internazionali. Anche in Italia si stanno diffondendo magazine dove gli editori sono le aziende, piccole e grandi. L'idea alla base di questa strategia editoriale è che per attrarre e stabilire delle relazioni con i clienti oggi serve produrre e distribuire contenuti interessanti. Qualcosa di molto lontano dalla pubblicità tradizionale - che nessuno del resto vuole più leggere, ascoltare, guardare - e molto più vicino al giornalismo, all'editoria. Del resto già nel 1895 John Deere pubblicò The Furrow, una rivista per i clienti con contenuti utili per gli agricoltori.
huffingtonpost.it

People
Guadagnare col mobile journalism: sette appunti
Il mobile journalism ha un costo pari a un terzo del video giornalismo normale. Con 1000 euro si può costruire un kit che ha la possibilità di riprendere immagini in 4k e un audio perfetto. Se poi vuoi esagerare ne puoi spendere anche 3000, ma con 3000 euro, se il tuo obiettivo è il semplice giornalismo, ci prendi solo una telecamera professionale. Ecco le differenze di scala del prezzo. In un’economia come la nostra è importante il ragionamento che sta alla base. Il tuo hardware ce l’hai già nella tasca della giacca: qualunque telefonino moderno, con un processore un po’ decente, può rappresentare per te già l’inizio della possibilità di vendere dei contenuti realizzati con una device mobile. 
Questo è il primo dei sette appunti scritti da Francesco Facchini per guardagnare di più con il mobile journalism.
francescofacchini.it

Strumenti
Eliminare la spazzatura e la perdita di tempo - News Feed Eradicator - free
Lo trovo uno degli strumenti più semplici e utili per aiutare la produttività tagliando le cose inutili che ci aggrediscono quotidianamente. Soprattutto se per lavoro usiamo facebook, se riceviamo comunicazioni quotidiane su facebook. Si chiama
News Feed Eradicator: io l'ho installato da un paio d'anni ormai e da allora la mia pagina facebook, quando mi loggo, appare pulita, senza lo stream dei post degli amici, ovvero perlopiù senza i vari gattini, tramonti in collina, piatti flashati al ristorante e fototessere amarcord che ci spingono a scrollare in basso a curiosare. E a perdere tempo. C'è solo una citazione di qualche notabile che ti ricorda in qualche modo di dedicarti a quello che davvero è importante per te. Naturlamente basta cliccare e ridiamo via libera ai gattini e al cazzeggio selvaggio.
News-feed-eradicator

Video
(video) La verità è più importante che mai, ovvero la campagna del New York Times
Il New York Times ha diffuso una nuova campagna pubblicitaria intitolata The truth is more important now than ever. 
La verità è che la nostra nazione è più divisa che mai.
La verità dei media sono bugie.
La verità è una donna che si dovrebbe vestire come una donna.
La verità è che dobbiamo proteggere i nostri confini.
La verità è che il cambio climatico è un inganno.
youtube.com

Heygiò è una ipotesi di newsletter settimanale per giornalisti interdetti (annoiati, ansiosi, depressi o forse solo in cerca di stimoli per fare meglio quello che già stanno facendo). Seleziona ogni settimana da fonti italiane e non 5 articoli + 1 video tra i più popolari sull'argomento giornalismo. Se sei come Giò te li sei forse persi mentre stavi lavorando, studiando, dormendo,...