Issue #35

Issue #35

tempo di lettura stimato: 2 min. e 55 sec.

  1. Fake News, il pianto di Zuck
  2. La crisi di credibilità dei giornalisti
  3. Amnesty: l'attacco al giornalismo indipendente in Turchia
  4. L'eredità di Pulitzer
  5. L'intervista esclusiva a Julian Assange
  6. (video) I giornalisti uccisi dalle mafie in Italia
"We are a tech company, not a media company"
Mark Zuckerberg

#Heygiò
Fake News, il pianto di Zuck
Mark Zuckerberg è dispiaciuto. Facebook si trova sotto attacco per la diffusione delle notizie false sulla piattaforma, soprattutto per quelle girate prima delle elezioni presidenziali americane. Ci si chiede per esempio che ruolo abbiamo avuto nell'elezione di Trump. Zuck continua a dire che Facebook non vuole notizie false sulla sua piattaforma ma sembra chiaro che non si prenderà mai responsabilità per la loro circolazione.
techcrunch

Scenari
La crisi della credibilità dei giornalisti
Cision ha pubblicato il Rapporto 2017 sullo Stato dei Media con risultati di un sondaggio di 1.550 giornalisti, editori, influencer e produttori. Con l'ascesa della disinformazione e delle "notizie false" emerge che i giornalisti sono estremamente preoccupati per la percezione del pubblico. Il 90% dei giornalisti ha riferito di credere che i mezzi di comunicazione sono meno stimati di quanto non fossero tre anni fa. Ciò si allinea con il Barometro della fiducia Edelman, che misura la fiducia della categoria al 43%, un livello quasi equivalente a quella dei funzionari di governo, che detengono il rating più basso di fiducia  (41%).
hispanicad

Mondo
Amnesty: l'attacco al giornalismo indipendente in Turchia
I media indipendenti in Turchia non sono ancora morti, ma sono stati gravemente feriti. La repressione deve finire. I giornalisti e gli altri operatori dei media devono essere liberati da estese e punitive carcerazioni preventive. Devono poter fare il loro lavoro, perché il giornalismo non è un crimine. Con oltre 120 giornalisti e altri operatori dei media in prigione, varie migliaia di disoccupati per la chiusura di oltre 160 aziende del settore, l’effetto dell’ultima ondata di erosione della libertà di stampa è chiaro: il giornalismo indipendente, in Turchia, è sull’orlo di un precipizio.
amnesty

Analisi
L'eredità di Pulitzer
In uno scenario in cui virtualmente chiunque può produrre notizie false e diffonderle in rete, mentre il “successo” di un articolo online viene spesso decretato dal numero di click che riceve, il problema sta emergendo in tutta la sua complessità. Quando Alleyne Ireland sale per la prima volta a bordo del panfilo Liberty, Pulitzer ha 62 anni, è cieco, debilitato da una lunga malattia, ma ancora animato da un’inesauribile irrequietezza intellettiva.
Da allora è passato un secolo. Oggi solo il 18% dei cittadini americani dichiara di avere fiducia nelle testate giornalistiche nazionali e la percentuale diminuisce drasticamente per i canali social (4%, dati Pew Research).
pagina99

People
L'intervista esclusiva a Julian Assange
A John Pilger è stato assegnato il Premio Internazionale di Giornalismo dal Circolo della Stampa del Messico al Concorso XLIV Nazionale ed Internazionale di Giornalismo. La motivazione: "L'intervista esclusiva con fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, attraverso la quale l'opinione pubblica internazionale è stata in grado di accertare la portata delle questioni chiave della situazione politica è il giornalismo che permette alle persone di difendersi contro le potenti forze clandestine ".
johnpilger

Video
(video) I giornalisti uccisi dalle mafie in Italia
I giornalisti in Italia e nel mondo minacciati e uccisi dalle mafie. Una lunga lista, una lunga storia che spesso ha sconvolto il nostro paese.
raiplay

extra: rapporto odg sul giornalismo digitale

Heygiò è una ipotesi di newsletter settimanale per giornalisti interdetti (annoiati, ansiosi, depressi o forse solo in cerca di stimoli per fare meglio quello che già stanno facendo). Seleziona ogni settimana da fonti italiane e non 5 articoli + 1 video tra i più popolari sull'argomento giornalismo per una lettura di massimo 5 minuti. Se sei come Giò te li sei forse persi mentre stavi lavorando, studiando, dormendo,...